Nella foto, Antonio Fuoco ai test 2019 di Barcellona

Test Abu Dhabi: la Ferrari porterà in pista i suoi Junior Schumacher, Shwartzman e Ilott, ma c'è anche Fuoco

di Massimo Costa
  • condividi l'articolo

La Ferrari ha programmato per i suoi giovani piloti Junior, parte della Academy, le due giornate di test che si svolgeranno ad Abu Dhabi subito dopo il Gran Premio di F1 conclusivo della stagione 2020. Con la SF1000, monoposto che quest'anno ha procurato più dolori che gioie, si alterneranno il russo Robert Shwartzman, impegnato nel campionato di F2 con ottimi risultati, e Antonio Fuoco, impegnato da un paio di anni allo sviluppo delle monoposto F1 al simulatore Ferrari e fresco campione Gran Turismo Endurance italiano con la 458. Callum Ilott, invece, affronterà il test con il team Alfa Romeo. Ancora nulla si sa di Mick Schumacher, ma appare certo che guiderà per il team Haas, la squadra con la quale dovrebbe esordire nel Mondiale F1 2021.

Il leader del campionato di F2, doveva fare la propria apparizione nel primo turno libero del GP dell'Eifel al Nurburgring con l'Alfa Romeo, ma il maltempo aveva impedito lo svolgimento della sessione. Ilott, in quella occasione, avrebbe invece dovuto scendere in pista con la Haas. Tutto rimandato quindi ai test di Abu Dhabi. Importante rilevare il ritorno in F1 di Fuoco, che ha dichiarato: "Per chi svolge un ruolo come il mio è molto utile, di tanto in tanto, poter salire sulla monoposto per verificare la correlazione tra i dati e il comportamento in pista", ha spiegato il pilota cosentino. Per lui sarà un ritorno alla guida della "vera" Rossa di F1 dopo le precedenti occasioni avute nel 2015 a Spielberg e poi a Barcellona sia nel 2016 sia nel 2019, totalizzando oltre 1400 chilometri.

  • condividi l'articolo
Martedì 24 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento: 20:25 | © RIPRODUZIONE RISERVATA